Sarmeni usa un calataprosti per colpire la Bunzi

Lite fuori dalla camera dei deputati nella giornata di ieri, quando l’On. Sarmeni ha impugnato un calataprosti portato da casa per colpire l’On. Bunzi.

L’Onorevole Bunzi aveva presentato un emendamento ostile al partito dell’On. Sarmeni e già in aula era partita la lite, dai toni decisamente accesi. La giornata aveva continuato a scaldarsi fino al culmine dell’attacco diretto con il calataprosti.

La Onorevole Bunzi ha già dichiarato che sporgerà denuncia verso l’Onorevole Sarmeni, evidenziando la cicatrice permanente procuratagli dal calataprosti sulla guancia destra.

Brutta telefonata tra il medico e Crocetta: “Va fatta fuori come il padre”

crocetta

Brutto episodio oggi ha visto protagonisti Rosario Crocetta e un chirurgo Matteo Tutino. Il Tutino al telefono con il governatore siciliano ha detto che la figlia di Borsellino Lucia deve essere fermata e fatta fuori come il padre.

La replica della figlia di Borsellino non si e’ fatta attendere e ha dichiarato che prova vergogna per loro, e nel pomeriggio la Procura ha fatto ricontrollare tutte le intercettazioni che grazie all’Espresso sono uscite fuori.

Il medico tra l’altro e’ stato arrestato per truffa al sistema sanitario, ma la cosa che ha fatto e fa più indignare e’ il silenzio di Crocetta che dichiara di non aver sentito questa frase.

Nel frattempo scoppia la bufera nell’opposizione siciliana e da Roma il premier Matteo Renzi telefona subito alla Borsellino per la sua solidarietà. Poi la coferma dell’Espresso che ribadisce e sottolinea la cosa dicendo che la telefonata e’ stata effettuata nel 2013 e fa parte dei fascicoli secretati.

Torna l’Unita’ in edicola dopo un’anno di assenza

l'unità

E cosi’ torna in edicola il giornale di sinistra L’Unità. Il quotidiano di centrosinistra o sinistra ha affidato a “System 24” la raccolta della pubblicità cartacea e non. Dopo quasi un’ anno di assenza il quotidiano vuole riprendersi tutti i suoi lettori di sinistra.

E i responsabili del giornale elogiano molto la scelta fatta su System 24 dicendo che sono attualmente la principale realtà nel mondo della pubblicità nel nostro Paese.

Addirittura pare che per la prima uscita del quotidiano comunista la tiratura di copie sono quasi 250 mila copie e insieme al cartaceo uscirà pure l’online.

Arrivano messaggi di auguri da tutto il mondo politico e anche dal premier Renzi infatti in un’intervista il Premier afferma che si riapre uno spazio di libertà e tocca a tutti noi di averne cura.

Per quanto riguarda la redazione sarà composta da 29 giornalisti e da 4 poligrafici di cui a breve termine diventeranno 8. Mentre Stefanelli l’amministratore delegato dichiara che per l’aumento dei giornalisti dipenderà molto dalla vendita del quotidiano in edicola.

Tensione a Roma per Salvini

salvi

Hanno annunciato la loro protesta i centri sociali che non vogliono Salvini nella Capitale. E dal canto suo Matteo Salvini replica a loro dicendogli di andare a fare del volontariato. Anche le vetrine del circolo di Noi Con Salvini sono state imbrattate di vernice rossa con la falce e martello.
Dunque stasera (l’11-05-2015) ci sarà probabilmente tensione al Teatro Brancaccio dove i movimenti affianco a lui e cioe’ Noi Con Salvini e Sovranità hanno organizzato questa manifestazione.

Salvini stasera parlerà di pensioni e di lavoro perchè lo Stato dovrà risarcire almeno sei milioni di pensionati e lo stesso leader del carroccio annuncia che se lo Stato non risponderà occuperà il Ministero del Tesoro. Altro argomento in discussione sarà ovviamente sull’immigrazione.

Si perchè pare l’Europa voglia fare quello che la Lega chiede da due anni ossia il blocco delle partenze dalla Libia. L’affondamento dei barconi, ma soprattutto la distribuzione dei profughi in tutti i paese europei e l’aiuto ai paesi africani. Dunque bisognerà attendere le 21 per vedere l’affetto dei romani verso Salvini se riuscirà pure qua a fare il consueto bagno di folla come nelle altre città italiane.

Infatti lo stesso Salvini ammette che ogni volta in cui scende nella Capitale viene sempre circondato da tanto affetto degli ammiratori e che addirittura gli chiedono di candidarsi come sindaco. Ma Salvini pensa più al nazionale e alla domanda se vorrebbe diventare leader del centro destra lui risponde convinto “pure domani mattina”.

Elezioni Regionali: Il grande coraggio di Giorgia Meloni

giorgia

In questa campagna elettorale per le Regionali nel centrodestra regna il caos. Se per 2 regioni sembra fatta il Veneto e la Campania per altre due come la Liguria e la Puglia sono ancora in discussione.

Questa guerra riguarda principalmente la Puglia e Forza Italia con uno scontro molto intenso tra Berlusconi e Fitto. Un ruolo importante e fondamentale lo sta avendo in queste ore Fratelli D’Italia perche’ nonostante l’ex premier abbia proposto la candidatura di Adriana Poli Bortone, il partito di destra sta mettendo e dettando una serie di condizioni.

Qui Giorgia Meloni esce allo scoperto auspicandosi una unita’ nel centrodestra e senza questa unita’ non accetterebbe la candidatura della sua senatrice ma appoggerebbe il candidato sostenuto da Raffaele Fitto.

Berlusconi facendo candidare la Poli Bortone sperava in una preziosa alleata come la Meloni per far fuori Fitto ma non e’ stato cosi’. Un altro che ha un importante ruolo e’ Matteo Salvini che ora come ora sta appoggiando Berlusconi in Puglia ma potrebbe ripensarci.

Il caos che sta succedendo in Puglia potrebbe decretare la fine politica di Silvio Berlusconi che cercava in Fratelli D’Italia un’appoggio (pensando fossero deboli quindi in condizioni di accettare ogni sua richiesta) che non e’ mai arrivato. Difatti il partito della Meloni non e’ disponibile a vendersi per una poltrona e hanno preferito puntare su Fitto. Una cosa e’ certa l’unico vincitore di questa disputa e’ Fratelli D’Italia con il suo leader Giorgia Meloni.

Perche’ l’ex ministro della gioventu’ tenendo questa linea sicuramente potrà trarne vantaggio in termini di consenso oltre che “rottamare” Berlusconi e si metterebbe sullo stesso piano di Matteo Salvini.

Nella zona di Bergamo ben 122 gazebi della Lega Nord

chieee

Nuova iniziativa della Lega Nord di Matteo Salvini. Nel prossimo week end soltanto nella provincia di Bergamo si prevedono 122 gazebi per far firmare i cittadini italiani di richiedere asilo politico. Ovviamente e’ un’iniziativa molte forte ed e’ fatta per denunciare il razzismo al contrario veso gli italiani e le categorie disagiate che vedono favorire gli extracomunitari al posto loro. Cosi la Lega si e’ organizzata perche’ ritiene vergognoso che i clandestini percepiscano 1000 e passa € mentre gli italiani non riescono ad arrivare a fine mese. Cosi’ il segreteraio della Lega di Bergamo dice che ritiene scandaloso che in questo momento di grave difficolta’ di crisi economica, non si può accettare che Renzi spenda quasi 2 miliardi per coccolare i clandestini. E aggiunge anche che la Lega vuole denunciare il business dietro a tutto questo di profughi, pensando che solo alla caritas di Bergamo percepisce 54 mila euro al mese per ospitare circa 60 immigrati. Di questi 54 mila euro 2,50€ al giorno sono destinati ai profughi mentre per i pasti viene speso 7400€. Cosi’ la federazione leghista di Bergamo si domanda dove siano destinate il restante dei soldi che si aggira intorno alle 50 mila euro. Da qui la protesta estesa in tutto il territorio nazionale dove si potranno raccogliere le firme e per dare un segnale molto forte a questa causa. Inoltre il segretario bergamasco invita i cittadini a firmare anche sul sito della Lega Nord per tutti coloro che sono impossibilitati ad andare nei gazebi o abbiano gia preso altri impegni

Expo Milano: biglietti scontati se sei del PD

25euro

E’ polemica a Milano sull’Expo dopo che il segretario locale del Partito Democratico Pietro Bussolati agli under 30 offre un biglietto per l’Expo a meta’ prezzo se si iscrivono al PD. Questa “bravata” e’ stata fatta perchè il PD ha perso in un anno ben 400 mila iscritti.

Il PD si difende dicendo di essere l’unico rivenditore ufficiale di questo evento e credono fortemente in un successo della manifestazione. Per questo ha lanciato quest’incredibile offerta ai giovani sotto i 30 anni ossia con 25 € riceveranno la tessera del partito più il biglietto d’ingresso all’Expo.

Ha dello spiritoso questa iniziativa che sembra quella di un supermercato che sta combattendo la crisi. La polemica e gli sfotto’ di qualsiasi genere fanno ombra sui social network tanto che i Democratici si sono accorti di questa cosa e specificando dicono che si sentono onorati di tutta questa attenzione verso il loro partitoe che e’ in regola con la vendita dei biglietti essendo un rivenditore ufficiale autorizzato.

E continuando la precisazione affermano che possono far recapitare ai loro iscritti e simpatizzanti i tagliandi dell’entrata a prezzi vantaggiosissimi senza ricevere finanziamenti pubblici ma basandosi su libere sottoscrizioni come già da un anno lo fanno. E visto che le università lo fanno verso i loro studenti il PD ha pensato di allargare l’offerta verso i giovani che non sono universitari cosi che possano sia frequentare il partito sia vedere l’esposizione.

87 mila euro di bonifici per D’alema

lema

Forniture annuali. Queste erano gli ordini che la società “La Madeleine” dell’ex Premier Massimo D’alema chiedeva alla “Cpl Concordia”. 22.500 euro per spumante e vino. Dunque i vertici della società prendevano questi soldi e tra l’altro affermavano che e’ molto più utile investire negli “italianieuropei”.

Agli interrogatori di garanzia di Francesco Simone si parlerà di questo dunque. Arrestato insieme al presidente Roberto Casari, accusati di associazione per delinquere, corruzione, riciclaggio.

Dunque tutto questo parte dall’inchiesta sul sindaco di Ischia che qualche giorno fa avrebbe intascato delle mazzette per affidare la metanizzazione dell’isola alla “cpl”.

Durante l’ascolto di intercettazioni telefoniche del Marzo 2014 Simone parla con una donna pare per un acquisto di 500 libri dell’ex premier da presentare nell’isola. Addirittura specifica che e’ disposto a pagare cifra piena se i soldi vanno alla Fondazione.

La donna dal canto suo risponde che il pagamento sarà diretto cosi’ si accordano sia per i volumi che per il vino.

Ma i carabinieri riferiscono che quelle non sono le uniche bottiglie comprate difatti nel 2013 sono state prese 1000 bottiglie di spumante per un valore di 14.600€ e nel 2014 altre 100 per un valore di 7.900€

La Camera approva l’aumento ai tempi di prescrizione l’Ncd si astiene.

sena

Con 264 sì 26 contrari e 121 astenuti (l’Ncd) e’ passata la legge che allunga i tempi di prescrizione per reati di corruzione. Cosi’ l’Ncd ha eveitato una sua spaccatura all’interno astenendosi dopo le polemiche che lo aveva visto per la vicenda dell’ex ministro Lupi.

Il provvedimento prevede l’aumento dei tempi di prescrizione della metà del massimo della pena enon più di un quarto. Fatto ciò la prescrizione passerà dunque da 10 a 15 anni. L’Ncd ha fatto critiche e non poche perchè secondo loro l’aumento della prescrizione avrebbe disincivato i giudici ad accelerare i tempi dei processi.

Nel Nuovo Centro Destra, fondamentale per il governo Renzi, senza il quale non avrebbe la maggioranza al Senato, negli ultimi giorni hanno ricevuto critiche verso Palazzo Chigi per non aver difeso un loro ministro (Lupi) che ricordiamo e’ stato citato, ma non indagato, per una presunta irregolarità su dei grandi appalti pubblici. Per questa vicenda Lupi si dimise.

6 deputati nuovi e un vicepresidente per il PD all’Ars

vvvv

Al secondo scrutinio il nuovo vicepresidente dell’Assemblea siciliana del Pd Giuseppe Lupo e’ stato eletto. Al primo scrutinio nn era riuscita la sua elezione, quindi si e’ andati al ballottaggio tra i due più votati.

Lupo aveva ottenuto 23 suffragi e Formica della lista Musumeci 16. Dunque la nuova votazione ha visto vincere Lupo con 39 deputati mentre soli 27 per Formica, 2 schede bianche mentre il M5S non ha partecipato al voto.

Con questa elezione il Partito Democratico fa il pieno perchè non solo si e’ aggiudicata la poltrona di vicepresidente dell’assemblea regionale ma nel suo gruppo alla camera aumentano di 6 i suoi deputati. Difatti nel Partito Democratico entra un intero gruppo cioe’ l’Articolo 4 fondato da Lino Leanza, braccio destro di Lombardo dell’MPA.

I 5 deputati che passando con il P.D sono: Luca Sammartino, Paolo Ruggiello, Valeria Sudano, Alice Anselmo e Raffaele Nicotra.

1 2